Elemento: Acqua

Pianeta: Luna

Divinità: Apollo, Saturno

Poteri: Dona saggezza, favorisce la chiaroveggenza, protezione, amore, fedeltà e fortuna.

Segno zodiacale: Toro, ma è considerato un amuleto anche per chi nasce nel mese di settembre.

Usi magici:

È una pietra che ha una lunga storia alle sue spalle, per tradizione veniva chiamato zaffiro solo la varietà di colore blu, quindi è solo di questa varietà che parlerò.

Per gli antichi Romani era una pietra che donava lucidità, bellezza e saggezza per questo era abbinata al Dio Saturno.

Simile il significato che le davano i Greci che la indossavano per avere sogni profetici e la donavano alla profetesse del Dio Apollo.

Lo zaffiro stimola i sogni profetici, aiuta a calmare gli animi troppo irosi, rende saggi gli stolti (non ci farei troppo affidamento a questo ultimo particolare); e aiuta a portare a termine i compiti assegnati.

Regalato alla persona amata la proteggerà dai sortilegi e la terrà fedele all’amato/a.

Una volta era indossato per evitare la prigionia ingiusta, in tempi moderni è utile in ambito legale per evitare le frodi, naturalmente la pietra funziona solo se chi la indossa è sincero.

La leggenda vuole che fosse una pietra molto amata dalle Streghe e dagli Alchimisti che la utilizzavano in incantesimi e intrugli per aumentare il potere personale.

È molto interessante notare che lo Zaffiro, il Rubino, il Topazio e lo Smeraldo sono considerate quattro pietre preziose per eccellenza e allo stesso tempo simboleggiano con i loro colori e le loro virtù i poteri dei quattro elementi.

La moderna cristallo terapia la dipinge come una pietra in grado di curare ogni male, abbassare febbre e sanguinamento; l’elisir di zaffiro è consigliato in autunno per purificare il sangue e riequilibrare le energie.

Pulizia e purificazione

A durezza lo zaffiro è secondo solo al diamante, però è molto sensibile ai repentini cambi di temperatura e alle sostanze corrosive. Ha una buona resistenza al calore e all’acqua. Alla luce di ciò consiglio la pulizia con acqua e purificazione con i fumi dell’ incenso.

Non ho trovato nulla sul pericolo dell’ esposizione ai raggi solari, ma cercherei di limitarla al minimo per paura di possibili scolorimenti, dopo tutto uno zaffiro non costa poco.

Essendo una pietra particolarmente dura andrebbe riposta separatamente dalle altre o avvolta in un panno morbido per evitare che possa graffiare e rovinare le sue vicine.