Crea sito

Tutto è magia per chi guarda il mondo con gli occhi di un Bambino

Tag Erbe Velenose

Mandragora

La leggenda narra che le piante di mandragora siano abitate da esseri soprannaturali dalla pelle scura noti con il nome di ‘Mandragoras’ …

Ciclamino

N.B. Il tubero del ciclamino contiene un glicoside chiamato ciclamina velenoso per l’uomo, i maiali li mangiano ma noi non siamo maiali.

Agrifoglio

L’abitudine di abbellire le case con l’agrifoglio, in Italia l’abbiamo ereditata dagli antiche antichi romani, che aveva l’abitudine di accompagnare i regali dei Saturnalia con un rametto di agrifoglio come buon augurio.
Una vecchia leggenda cristiana, narra che la croce su cui è morto Cristo era stata fabbricata con legno di agrifoglio; e fu il suo sangue a tingere di rosso le bacche di questa pianta.

Le erbe e le streghe

Le erbe usate dalle streghe e dagli erboristi del passato vengono tuttora impiegate da farmacisti e moderni stregoni. Tra le tante erbe delle streghe le più famose sono la Mandragora, il Giusquiamo, l’Aconito, la Cicuta, lo Stramonio e la Belladonna e possiedono tutte lo stesso potere: prese in dosi forti possono essere mortali a causa della loro velenosità. In piccole dosi, invece, vengono usate per preparare filtri d’amore e anche unguenti per volare (secondo il mito le streghe realizzavano unguenti per volare verso il Sabba).

L’Albero del veleno

Secondo la leggenda, l’albero del veleno è impregnato di sostanze velenose: il tronco, la linfa, le foglie e i frutti sono altamente tossici, in grado di portare alla morte chi si sofferma troppo nelle sue vicinanze

Stramonio

ATTENZIONE lo Stramonio Datura è una pianta TOSSICA, VELENOSA. È caldamente consigliato l’uso dei guanti nel caso venga maneggiata, perché gli effetti fortemente allucinogeni e tossici delle foglie possono facilmente venir assorbiti dalla pelle. Io comunque la lascerei proprio perdere

© 2021 Appunti di una Strega di Città — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑

error: No copia e incolla! Condividi tramite link