Creature mitologiche

La Fata del Fuoco

La Fata del Fuoco ha l’aspetto di una giovane ragazza. Il colore della sua pelle ricorda i petali di un papavero e le ali sembrano scoppiettanti lingue di fuoco. E i lunghi capelli splendono di un meraviglioso color porpora. La Fata del Fuoco è un essere molto potente. In alcune culture il fuoco è simbolo di purificazione ma, spesso, è sinonimo di distruzione! Perciò è un elemento che deve essere controllato con grande responsabilità.

“Quando sentite arrivare il tepore della stagione estiva significa che la Fata del Fuoco e le sue fatine sono al lavoro: i frutti maturano e il grano è pronto per la mietitura… una volta portato a termine il lavoro nei boschi ha inizio una grande festa: un ciclo stagionale è stato completato e tutti gli abitanti del bosco sono felici del fatto di essersi assicurati una ricca riserva di cibo…”
Le Fate del Fuoco e tutte le aiutanti svolgono un ruolo importante durante tutta la stagione estiva. È la Fata del Fuoco, infatti, che decide quando far maturare i frutti, il grano e tutti i prodotti della terra, pronti per esser colti da tutti gli abitanti del bosco e dagli uomini.
“Dovete sapere che esistono alcune fate che vivono tra le lingue di fuoco dei vulcani grazie a un preciso accordo: le fate non possono opporsi alle continue e devastanti eruzioni del vulcano ricevendo in cambio dal luogo che le ospita l’energia necessaria a rigenerare i loro poteri.”
Siamo a conoscenza di due tipi differenti di Fate del Fuoco, esse sono le Fate Fiammelle e le Fate Salamandre.
Le Fate Fiammelle sono portatrici di una potente energia: si racconta che una Fata Fiammella nasca ogni qual volta si sente lo scoppiettio del fuoco e sono creature circondate da una potente aura energetica avente la forma di una rossa sfera di fuoco. Hanno la capacità di mutare le proprie dimensioni e, a volte, assumono l’aspetto di grandi e luminose lingue di fuoco.
“Le fate fiammelle vivono nei fuochi e raramente si allontanano da essi. Esiste un tipo di fuoco che a volte sfugge al controllo delle fate: è il distruttivo fuoco degli incendi! Compito delle fate è combattere questa forma di energia negativa, cercando di proteggere la natura e gli animali dalla sua furia devastatrice…”
Si racconta che le Fate Fiammelle, per ordine della Fata del Fuoco, abbiano donato all’uomo il fuoco primordiale, con la promessa di gestirlo in modo responsabile e controllato, anche se purtroppo non sempre la promessa è stata mantenuta.
Come per tutti gli altri generi di fate, anche se si incontra una Fata Fiammella bisogna prestare molta attenzione: è necessario mostrare loro gratitudine e rivolgersi con modi estremamente gentili; tra il Piccolo Popolo è nota, infatti, la terribile furia delle Fate Fiammelle…
Si racconta che le Fate Salamandre vivano all’interno dei vulcani, distinguendosi per la loro agilità e per la loro capacità di smaterializzarsi e rimaterializzarsi a una velocità incredibile. Sono molto sottili, tanto che ai nostri occhi potrebbero presentarsi come flebili lingue di fuoco.
“Si narra che all’interno di un non precisato vulcano abitasse una combattiva fata salamandra di nome Cenerina. La fata non si rassegnava all’indisciplina del vulcano: giudicava i suoi tentativi di dispersione energetica come un dispetto troppo maligno nei confronti della natura. Purtroppo ella nulla poté il giorno in cui il vulcano decise di esplodere: a ogni modo, Cenerina non si diede per vinta, e decise d’innalzare, con le poche forze che le rimanevano, delle vere e proprie barriere di energia a protezione degli alberi e degli arbusti circostanti. Il vulcano rimase molto colpito dalla determinazione di Cenerina e decise di ritrarre, momentaneamente, la sua incandescente lava. Si narra che Cenerina riposi ancora nel cuore del vulcano in attesa di recuperare tutte le forze…”

Esistono altre creature legate all’elemento del fuoco: gli esseri da cui ha origine il fenomeno dei lampi e della luce emanata dalle lucciole.
I lampi sono un sovraccarico di energia dovuto alle attività delle Fate del Fuoco che si manifestano durante i temporali.
Anche le lucciole sono il frutto dell’energia che scaturisce dall’elemento del fuoco e, come si diceva prima, è possibile ancora incontrarle durante le sere d’estate, nelle campagne incontaminate.
“In passato le lucciole svolgevano una funzione molto importante: illuminare il cammino notturno dei viaggiatori. La tradizione vuole che, per ringraziare le lucciole del favore, bisogna lasciare una ciotola con acqua e alcune gocce di miele…”

Tratto da: Bogus Racconta: Il Piccolo Popolo… Fate & Ninfe

/ 5
Grazie per aver votato!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: No copia e incolla! Condividi tramite link