In dialetto Veneziano (1875)
‘na volta ghe gera un contadin che el gaveva so mugier che la gera gravia. Dunque sto contadin un zorno ghe dise a so mugier, che lu no’l vol da a batizar sta creatura co no ‘l cata per compare uno che sia giusto. Da là a un pochi de giorni sta bona dona fa un putelo, e alora elo el ciapa sto bambin in brazzo e el se mete a andar per la strada e veder de catar sto omo giusto. Camima e camina e el cata uno, che gera el Signor, e el ghe dise: “Go sto fio da batizar, ma mi no lo vogio dar che a uno che sia giust: seu giusto vu?”
Ghe risponde ‘l Signor: “Ma… mi no so se sia giusto.”
E alora sto contadin el va avanti e ‘l trova ‘na dona, che gera la Madona, e el ghe dise: “Mi go sto fio da batizar e no lo vogio dar a nissun co no cato un che sia giusto: xela giusta ela?”
“Non so (dise la Madona), ma andè avanti che trovarè chi xe giusto.”
Donca questo qua va avanti e’l trova un’altra dona, che giera la morte, e el ghe dise:”I m’à mandà da ela, chè i m’à dito che la xe giusta, perché mi go sto fio da batizar e no vogio dar che a chi xe giusto: xela giusta ela?”
“Mi sì (dise la morte) che credo d’esser giusta!… batizeremo el bambin e dopo ve mostrarò se so giusta.”
Là i ga batizà sto fio, e alora sta dona la ga menà sto contadin in t’una gran sala longa longa, in dove che giera tanti lumini impizzai: “Comare (dise sto omo, meravegià de vedar tuti sti lumini), cossa xe tuti sti lumini?”
Dise la morte:”Queste xe tute le lume de tute le aneme che ghe xe al mondo. Volè vedar, compare? Questa xe la vostra e questa xe quela de vostro fio.”
E sto contadin, che vede che la soa la gera per morir, ghe dise:” E quando che no se ghe più ogio, comare?”
“Alora ( ghe risponde la morte) ve toca vegnir co mi, perché mi so la morte.”
“Oh per carità (dise sto contadin), lassè almanco che ghe ne cava un poco de ogio da la lume de mio fio e ghe lo meta in te la mia!”
“No no, compare (dise la morte), no fazzo miga de ste robe mi… un giusto avè volesto catar e un giusto avè trovà. E adesso andè a casa e fe’ le vostre cose, che mi ve speto.”

In Italiano

C’era una volta un contadino che aveva la moglie incinta.
Questo contadine dice a sua moglie che lui non vuole battezzare il bambino fino a che non trova per compagno un uomo che sia corretto.
Di lì a pochi giorni quella buona donna partorisce un bambino, e allora il contadino lo prende in braccio e si mette in viaggio per trovare l’uomo giusto.
Cammina e cammina e ne trova uno, che era il Signore e gli dice: “Devo battezzare questo figlio, ma voglio affidarlo a una persona che sia corretta: Voi siete corretto?”
Il Signore gli risponde “Io non so se sono giusto.”
E allora questo contadino va avanti e trova una donna, che era la Madonna e le dice:”Ho questo figlio da battezzare e non lo voglio dare a nessuno che non sia giusto: Lei è giusta?”
“Non lo so” Gli risponde la Madonna “Ma andate avanti e troverete chi è corretto.”
Dunque l’uomo prosegue e trova un’altra donna, che era la morte, e le dice:”Mi hanno mandato qui da lei, perché mi hanno detto che lei è onesta, perché io ho questo figlio da battezzare ma non voglio affidarlo a chi non è giusto: Lei è giusta?”
“Io sì” Disse la morte. “Penso di essere giusta!… battezziamo questo bambino e dopo vi mostrerò se sono onesta.”
Battezzarono il bambino e dopo la donna portò il contadino in una sala lunga, lunga dove c’erano tanti lumini accesi: “Comare” disse l’uomo meravigliato dalla vista di tutti questi lumini, “cosa sono tutti questi lumini?”
Gli rispose la morte: “Queste sono le luci di tutte le anime che ci cono al mondo. Volete guardare, compare? Questa è la vostra e questa è quella di vostro figlio.”
Il contadino vide che la sua andava spegnendosi e chiese: ” E quando finisce l’olio?”
“A quel punto” Gli rispose la morte. “Dovrete venir via con me perché io sono la morte.”
Il contadino a questo punto chiese: “Per pietà, almeno lasciatemi aggiungere un po’ di olio nel mio lume prendendolo da quello di mio figlio!”
“No no, compare”gli disse la morte”Io non faccio di queste cose. Volevate una persona onesta e una persona corretta avete trovato. E adesso andate a casa a sistemare le vostre cose che io sono qui che ti aspetto.”

Piccola nota: il termine “giusto” può venir riportato come una persona onesta, corretta, integra.