Ed ecco il primo racconto del Filò

Questo racconto è tratto da una raccolta di racconti popolari veneziani del 1873 curata da Domenico Giuseppe Bernoni

In dialetto veneziano

’Na volta ghe giera mario e muger, e i gaveva tre fie, tute da maridar, e i fava i lavanderi. Infati un giorno passa de là un signor; e sto signor el se inamora de la putela più granda. El va da i so genitori e el ghe domanda se i xè contenti de dargliela per sposa. Lori i vede che el xè un bel signor, e i ghe dise de sì. E là el la sposa, e pò el se la porta via.
E el se la porta su un più bel palazzo che se possa vedar co oci. Co’ el xè là, lu el ghe dà le ciave de tuto e de tute quante le camare; ma el ghe dise:
— « va per tuto in dove che ti voi, ma in quela camara che xè là, no star mai andar : si no, guai per ti. » — E el ghe dà ’na bela rosa fresca, chè
la se la meta in testa, e pò el ciapa su e el va via.
Questa qua giera curiosa de saver cossa ghe giera drento in quela camara, che elo no voleva che l’ andasse. La và e la verze sta camara, e la vede che drento ghe xè tante anime tute sul fogo, e la vede che el xè l’ inferno : — « ah, povareta mi, cossa gogio fato ! Sicuro, el me mete anca mi quà drento. » —
Là, la se varda in testa la rosa, e la vede che la xè fiapa. Intanto el vien a casa elo e el ghe dise : — « bondì » — , el vede che la rosa xè fiapa e el se
n’ incorze che la xè stada in quela camara ; e el ghe dise : — « xestu stada in quela camara che t’ ò. dito che no ti ghe vadi ?»
E eia ghe dise : — « mi no ! Co’ ti m’ à dito che no ghe vaga, mi no ghe so’ andata»
— « Ben, vien con mi, che te acompagnarò mi adesso a vederla. »
Alora questo quà el verze la camara, e ’l la buta drento anca ela. Adesso
el sera la porta, e ’l ciapa suzo e el va da so mare; e là el ghe dise che a la so fia ghe xè vegnuo tanto mal, e tanto mal che la xè morta. E pò el ghe dise che la ghe daga la mezana; e so mare ghe la dà.
Alora lu el se la compagna a casa, el ghe dà le ciave de tuto, e el ghe dise che no la staga verzar quela camara, e che la vaga in dove che la voi, ma che là no la ghe staga andar. El ghe dà ’na rosa fresca e ‘l ciapa suzo e ’l va via. Curiosa anca questa, la voi andar a vedar cossa che ghe xè in sta camara. La verze la camara e la va drento, e la vede tante
anime sul fogo e tante anime, e pò so sorela. E so sorela ghe dise: — « ah sorela mia ! per carità, sorela mia! cossa xestu vegnua a far quà? quel che el gà fato de mi, el farà anca de ti. » — « Ah, povareta mi, la dise, cossa gô mai fato! anca mi de sicuro el me mete quà. » — E la sera la porta e la scampa via.
Intanto el capita elo, e el vede che la rosa xè fiapa, e el se n’ incorze che zà la xè stada là. — « Xestu stada», el dise elo, «in quela camara che t’ ò dito che no ti vadi ?»— E eia ghe dise de no. Alora el ghe dise : — « ben, te compagnarò mi a vedarla. > —
El va, el verze la porta, el la ciapa e ’l la buta drento anca eia. E dopo el va da so mare, e el ghe dise che ghe xè vegnuo tanto mal, tanto mal, che no ’l sa come che la sia, ma che la ghe xè morta anca quela. Donca che la ghe daga anca st’ altra. La ghe la dà, e lu el se la porta via anca quela. Co’ ’l xè a casa, el ghe consegna le ciave istesso, e el ghe dise che la
vaga per tuto dove che la voi, ma che la se ricorda ben de no andar in quela camara; e el ghe dà ’na rosa fresca, e pò el ciapa suzo e ’l va via. La dise eia : — « aspeta mi ! » — La ciapa la rosa e la la mete in fresca, e pò la va a verzar sta camara, e la vede so sorele e tante altre anime in mezo al fogo. — « Ah» le ghe dise, «per carità, sorela, che el te buta anca ti, sa, quà! »  E eia ghe dise :— « gnente, gnente ! no ste aver passion vualtre, e lassè far a mi. » — La sera la camara, la va a tor la rosa bela e fresca, e la se la mete in testa. E intanto el capita elo, e el ghe dise: — « oh, bondi. » E eia ghe dise : — « bondì. » — E lu el vede che la rosa xè fresca, e el dise: — «no la ghe xèstada, no. » —
E pò el dise : — « sestu stada in quela camara, che t’ ò dito che no ti vadi ? » — «No,» la dise, «mi no so’ stada in nissun logo: mi no so’ minga curiosa. » E lu el dise : — « ben, brava ! adesso te vogio tanto ben. » — « Ben, senti, vecio (dise eia), bisogna che pensemo de dar un poca de roba a lavar, perchè quà ghe xè tuto sporco. Doman de matina te metarò tuta sta roba in t’ un casson, e ti te la portarà a casa de mia mare, che la la lava. »

La speta che el vaga fora de casa, e la mete un poca de roba sporca in t’ un casson ; e pò la va a tor una de le so sorele, la prima, e la la mete drento in sto casson, e dopo la ghe mete dei soldi, e la dise a so sorela: — « ricordite, co’ ti xè per strada, se ti senti che el cala per vardar, dighe: varda che te vedo , eh!» — e la sera la cassa, e la la lassa là fin che el vien. Intanto el capita elo, e la ghe dise : — « da bravo, tol su quela cassa, e portighela a mi mare. Ma varda ben de’ no vardar, sastu, perchè se ti vardi, mi te vedo. » E lu el tol su sta cassa in spala: — « oh, che peso,» el dise, «che gà sta cassa ! » «Oh figurite» dise eia « xè tanto tempo che no se lava, e ghe giera tanta roba sporca!»  Co’el xè per strada : — « che
peso che gà sta cassa!»  Deboto, el dise, «vorìa vadar cossa che ghe xè drente. » El se mete per calar sta cassa e el sente a dir «Varda che te vedo, eh!» – « Ah,» el dise, «la me vede ; no no, no toco. »
E el core, el core, e el va a casa da so mare, e el bate : — « corè, vegnì a tor sta cassa de roba sporca, che so’ straco che no ghe ne posso più. Vardè che ve la meto quà. » — « Sì, sì,» dise la mare, «metela là.» — E lu
el la pusa là in’intrada, e el ciapa suzo e pò el va via. E el va a casa : — « mugier mia, dove xestu ? » —« So’ quà,» la dise  «astu porta la roba, astu vardà cossa che ghe giera drento ?» — « Mi no ! » — « Oh, bravo ! »  Adesso i stà queti un poco de tempo, e pò eia ghe dise : — « ghe xè del’ altra roba sporca, e bisogna che ti vadi a portarghe a mia mare anca questa. » — « Sì, vecia mia, preparila che diman de matina andarò a portargliela anca questa. »  La prepara la cassa, la ghe mete drento un poca de roba e dei altri soldi, e st’ altra so sorela. E co’ xè a la matina la dise : — « tol su sta cassa, ma ricordite ben de no vardar, sastu, parchè, si no, mi te velo. »

El tol suzo sta cassa, e el va via. Co’ el xè per strada, el dise : — « oh che peso ! ma che peso che gà sta cassa ! mi adesso vardo cossa che ghe xè drento. »  E el se mete per calar, e el sente che la dise : «Varda che te vedo , eh!» — « Oh ! infati,» el dise,« la me vede, e mi no posso vardar. » — E el tol su e el va via.
Camina e camma, el riva a la porta de so mare :
— « ciapè,» el dise, «sta cassa, che so’ straco che no ghe ne posso più. Preparè tuta sta roba, che ghe n’ ò de l’ altra ; preparela tuta, che pò la vegnarò a tor. » —« Ben, ben, »  dise la mare. Infati el va a casa: — « mugier mia, dove xestu? » — « So’quà,» la dise ; «astu portà la roba ?» — « Si. » — « Astu vardà ?» — «Mi no ! » — « Là ghe ne xè un altra poca, e pò basta, chè dopo, ti andarà a torla tuta in t’ una volta. » — « Sì sì,» el dise, «mugier mia: parécila, che andarò a portarla. » — « Ben, varda che te la prepararò tuta drento in cassa; e ti no star vegnir a disturbarme ; lassime queta parchè togo l’ ogio, che stago tanto poco ben che mai. Ti catarà là pronta la cassa, ti la torà su in spala e ti andarà via; ma basta che no ti vardi parche, se ti vardarà, se anca mi gò mal, te vedo, parchè gò un balcon là in sofita, e vago sul balcon, e fazzo la tira a vedar se ti vardi» — « No, vecia mia; stà tranquila, che no vardo : no gò vardà gnanca su st’ altre, no vardarò gnanca su questa. » El ciapa suzo e el va via.
Alora eia la fa una bela piàvola granda, e la le mete in leto con un fazzoletto in testa  la la coverse ben, e la la lassa là. Intanto la tol dei boni soldi e de la bona biancaria, e pò dopo la se mete drento in cassa anca eia, e la se sera. Intanto vien a casa el diavolo, el va a pian – pianin in camara ; el varda in leto, el la vede che la xè là tuta coverta, e el dise : — « oh benedeta! No te svegio no ! te lasso queta! adesso vago a portar via la cassa. »

El tol suzo la cassa, e : — « corpo de Baco, cossa che la pesa ! la pesa più de st’altre !»  E el se la
mete in spala, e camina se ti sa cominar. Co’ el xè a meza strada, el se mete per calar sta cassa, e el sente a dir: «Verda che te vedo, eh! » — « Oh benedeta ! » el dise«anca se la xè malada, l’ istesso la me vele. » — El va a casa da so mare : — « ciapè,» el disa , «preparè tuta sta roba, che pò la vignarò a tor la tuta, perchè bisogna che vaga via subito, che gò mia mugier che la stà poco ben. » – « Per carità,» dise so mare, «che no la mora come xè morte st’ altre. » — « Eh, no, no ! vago subito a vedarla. » — E el va a casa, e el va ne la camara a pian-pianin, e pò el va al leto, e el dise : — « mugier mia, come stistu ? Ah ! no la me risponde !.. . Povareta ! . . che la sia morta ?.. » — E
el fa per desccvérzarla, e el vede che la xè ’na piavola de strazze. — « Ah, maledeta ! la me l’ à fata… Oh, pavareto mi ! cossa gogio da far mi adesso ?»
El va a vedar in te la camara se ghe xè st’ altre dò, e el vede che no ghe xè gnanca quele. El diavolo se dispera; ghe vien ’na forte passion, e el xè morto da la bile. Cussi se dise che le done le ghe l’ à fata anca al diavolo.

Tradotta in italiano, perde un’ po’ dell’ allegria e della poesia dell’ originale; ma per chi non è veneto penso faccia comodo la traduzione.

Una volta c’era una coppia di lavandai, che aveva tre figlie,tutte da sposare. Un giorno passa di lì un signorotto e si innamora de la ragazza più vecchia. Va dai genitori e gli domanda se sono contenti a dargliela in sposa. Loro vedono che è un bel signorotto e gli dicono di sì. Allora se la sposa e sa la porta via. La porta nel palazzo più bello che si possa immaginare e gli da tutte le chiavi ma gli dice ” Puoi andare dove vuoi, ma non nella camera che c’è là: altrimenti per te son guai”. Gli mette una rosa in testa e va a far i so lavori. La ragazza era curiosa di sapere cosa ci fosse nella stanza vietata. Va ad aprire la camera e ci trova un sacco di anime tutte sul fuoco, e vede che è l’inferno. “O povera me cosa ho fatto, se lo scopre mi mette qui dentro” Chiude la porta , si guarda la rosa e vede che è appassita, Intanto il signorotto rientra e gli dice “Buongiorno” vede la rosa appassita e da quel capisce che è stata nella camera “Sei andata nella camera, dove ti ho detto di non guardare?” Lei spaventata gli risponde “io no, mi hai detto di non guardare e non ho guardato” – “Bene adesso vieni che ti faccio vedere cosa c’è” Apre la porta e la butta dentro.

Va dalle madre e gli dice che la ragazza si è ammalata ed è morta, e che vuole la sorella di mezzo, sua madre gliela da.

Lui la prende la porta a casa gli da la chiave di tutto ma la avvisa che nella camera là in fondo non ci deve andare, gli mette la rosa in testa e va via.

Curiosa anche questa ragazza va ed apre la porta, vede tante anime e in mezzo sua sorella che gli dice “A sorella mia, per carità sorella mia. Cosa sei venuta a far qui, adesso se ne accorge e ci mette anche te” E lei disperata dice “Povera me, cosa ho fatto adesso sicuro mi metterà qui” Chiude la porta scappa , il signorotto vede la rosa appassita e capisce che ha guardato nella stanza . Come con la sorella maggiore la porta là e la butta dentro.

Torna dalla madre e gli dice che non sa come sia successo anche sta ragazza si è ammalata e è morta. Adesso lui però vuole la più giovane e la madre gliela da.

La porta a casa gli da le chiavi , gli dice della porta gli mette la rosa in testa e se ne va.

Lei mette la rosa in fresca e va ad aprire la porta della camera e ci trova le anime sul fuoco più le sue due sorelle ” A sorella adesso finirai qui anche tu” La sorella più piccola gli risponde “Non state a pensarci che risolvo io”.  Chiude la porta , si rimette la rosa in testa e aspetta che torni il signorotto. Lui torna vede la rosa fresca e gli chiede “Sei stata nella stanza?” “io no, non sono andata da nessuna parte. Non sono curiosa ” . Il diavolo contento gli dice “Vedo che è vero , adesso sì che ti voglio bene”. Dopo cena la ragazza gli dice “Senti vecio (è un vezzeggiativo affettuoso in uso ancora nelle coppie sposate) qui c’è tutto sporco, e a me non va bene , quindi domani ti preparo una cassa da portare a mia madre” Aspetta che il signorotto esca e mette un po’ di roba in una cassa , un po’ di soldi e una sorella e gli dice “quando senti che sta mettendo giù la cassa per guardare devi dire ‘guarda che ti vedo'” chiude la cassa e aspetta che torni. Quando lo vede gli dice , “da bravo, prendi la cassa e portala a mia madre. Ma guarda di non guardarci dentro perché io ti vedo” Lui prende la cassa in spalla e gli dice “Che peso cosa c’è in questa cassa” Lei gli risponde figurate , era tanto tempo che non si lava nulla , c’era un sacco di roba sporca. Il diavolo va per strada e sente sta cassa così pesante , ad un certo punto dice ” cosa ci sarà dentro? Adesso voglio guardarci” fa per metter la cassa a terra e sente ” Guarda che ti vedo” “Dice che mi vede: no no io non tocco” e si rimette la cassa in spallle e va di corsa dalla madre della ragazza. Bussa e gli dice ” sbrigati a venir a prender la roba da lavare, che io sono stanco che non ne posso più. Ti lascio qui la cassa” e torna a casa.

“moglie mia dove sei?” Lei gli risponde “sono qui, hai portato la roba, hai guardato dentro la cassa?” Lui gli risponde ” no, io no”.

Stanno tranquilli per un po’ poi una sera a cena lei gli dice

” c’è altra roba sporca, bisogna che la porti da mia madre.” Lui gli risponde ” Sì, vecia preparala che domani mattina gliela porto. La ragazza fa come per la prima cassa e così il diavolo inconsapevolmente riporta alla madre anche la seconda figlia. Torna a casa e “Moglie dove sei?” “Sono qui, hai portato la cassa?” “Sì” “hai guardato?” “io no” “Bravo ‘ c’è ancora un po’ di roba sporca e dopo basta , che così vai a prenderla tutta insieme quando è pronta: Te la preparo dentro una cassa, ma non disturbarmi che non sto tanto bene e dopo voglio riposarmi. La troverai pronta , te la metti in spalla e la porti da mia madre, ma guarda che anche se sto poco bene ti vedo dal balcone, quindi non guardarci dentro” “Vecia mia, sta tranquilla che non ci guardo; non ho guardato neanche nelle altre, non guardo neanche in questa ” E così dicendo se ne va.

La ragazza fa una bambola di stracci, bella grande la mette a letto tutta coperta con un fazzoletto in testa . Mette nella cassa la biancheria buona, i soldi e ci si infila dentro. Arriva il diavolo va piano piano in camera e vede la bambola tutta coperta la crede la moglie e pensa “Oh benedetta! Non ti sveglio no. Intanto porto la cassa” Prende la cassa in spalle “corpo di Bacco , quanto la pesa, la pesa più delle altre” a metà strada fa per metterla giù ma sente “guarda che ti vedo” “Mi vede anche se sta male, meglio che mi sbrigo”

Arriva dalla madre “ti lascio qui la cassa perché ho la moglie che non si sente bene” La madre gli risponde “sì corri a casa a controllarla , che non muoia come le altre” “No no , vado subito a guardarla”

Il diavolo va a casa, va su in camera “Moglie mia, come stai?… Non mi risponde… Poveretta!…che sia morta.”

Va vicino al letto , la scopre e vede la bambola ” Ah maledetta! Me l’ha fatta… e adesso cosa faccio?” Corre giù apre la camera proibita e non trova più nemmeno le sorelle. Dal nervoso gli viene un travaso di bile e muore.

Ed è per questo che si dice che le donne hanno imbrogliato anche il diavolo.