La mitologia cinese ha le idee ben chiare della creazione, scopriamo come nacque il mondo in Cina.

All’inizio vi era il nulla, nel nulla nel corso dei millenni si condensò l’uomo cosmico e al suo interno regnava un perfetto equilibri di Ying e Yang.
Poi dal nulla emerse Pangu, che stanco del nulla, ruppe a metà l’uovo cosmico, per impedire che si richiudesse si mise al centro e spinse in alto la volta celeste, questa opera di separazione chiese altri millenni, e tutto ciò che era leggero salì nel cielo e tutto ciò che era pesante si depositò a terra.
Quando il cielo e la terra furono completi, Pangu era ormai molto anziano e si distese a terra diventando montagne e fiumi, il sudore e le lacrime divennero pioggia e nulla andò perduto.
Ma la terra era abitata solo da Dei e Semi-dei, tra questi vi era la Dea Madre Nüwa, che si sentiva molto sola. E quindi cominciò a creare degli esseri viventi dal fango. Prima creò degli animali, ma presto si stancò anche della loro compagnia. Quindi prese dell’ argilla gialla e creò i primi uomini, che creature stupende pensò sono in grado di danzare e comporre canti in mio onore. Allora ne creò altri , ma presto si stancò, quindi prese un ramoscello e spruzzò in giro un po’ di fango; dall’ argilla gialla nacquero i nobili, mentre gli uomini nati dal vile fango sono destinati a essere i servitori.