Etimologia

 Il nome del genere Cyclamen deriva dal greco Kyklos =cerchio; probabilmente riferito ai tuberi rotondi o ai fiori che si girano verso il terreno da cui spuntano.

Significato

La velenosità del suo bulbo era conosciuta già in antichità.

Per gli antichi romani era una pianta che portava fortuna perché grazie al suo veleno respingeva i malefici.

Gli antichi greci lo consideravano un fiore che favoriva la fertilità, la passione e il concepimento grazie al suo fiore che ricorda vagamente un utero .

Nel Medioevo era un fiore malvagio abbinato a Satana e significava diffidenza.

In epoca moderna il suo significato è legato al colore delle corolle:

  • rosa= amore puro
  • rosso= amore complicato, diffidenza, gelosia
  • bianco = purezza
  • viola = giovinezza e allegria

Leggende

  • Nel Medioevo era una pianta legata a Satana e la leggenda narra che se una donna gravida l’avesse calpestato di certo avrebbe abortito. (in effetti il bulbo velenoso poteva portare all’aborto se ingerito, ma anche alla morte della donna)
  • Plino il Vecchio narra che dove cresce il ciclamino di certo non possono venir versati malefici filtri o compiere malefici.
  • Nell’antica Grecia divenne uso comune mettere dei ciclamini nelle stanze dei novelli sposi per propiziare il concepimento e la passione.

Usi magici

Il ciclamino è sacro alla Dea Ecate

In magia si utilizza per gli incanti d’amore, per favorire la passione, aumentare il fascino e favorire il concepimento.

Viene utilizzato anche come amuleto di protezione contro i malefici e gli attacchi magici.

N.B. Il tubero del ciclamino contiene un glicoside chiamato ciclamina velenoso per l’uomo, i maiali li mangiano ma noi non siamo maiali.

Se il mio blog ti piace e lo trovi utile

offrimi un caffè:paypal.me/stregadicitta 

Potrebbe interessarti anche:
Gennaio
Bucaneve (Galanthus nivalis)
Bergamotto
Granato