Le origini della Chiromanzia si perdono nella notte dei tempi.
Nell’immaginario comune si abbina la lettura della mano agli zingari, cosa corretta solo in parte perché era un’arte praticata dai mistici indiani che ne conservavano gelosamente i segreti tra le mura dei loro templi.
Gli zingari hanno portato con se questo segreto quando partirono dall? India per diventare un popolo nomade tanto affascinante quanto costretto alla lenta estinzione a causa della globalizzazione.
Tornando alla chiromanzia è certamente una pratica derivata dall’astrologia da cui prende numeri e simboli.
Se si cercano notizie di questa pratica fra i libri e gli autori antichi ci troveremo a seguirne le traccie arrivando fino in Giappone e ci stupiremo di leggerene accenni ( abbastanza vaghi a dire il vero) anche nella Bibbia cristiana.
Nonostante sia una pratica antica vede il suo momento di massima diffusione nel periodo Medioevale , quando il malessere dell’ uomo sulla soglia del nuovo millenio lo spinse ad esaltare il misticismo in tutte le sue forme.
In cosa consiste l’arte della chiromanzia?
Chi si appresta ad imparare quest’ arte antica , affascinante e davvero difficile; deve aver una buona dose di empatia , spirito di osservazione e la consapevolezza che fra le linee della mano non vi troverà scolpito nella pietra il destino del proprietario .
Ma solo accenni e piccole visioni di destino che possono cambiare di continuo.
Questo in breve è ciò che possiamo trovare sui libri riguardo alle origini della chiromanzia… poi si sa che la verità è spesso nebulosa e ammantata di leggenda.
Prima sguardo : La pelle
L’aspetto della pelle può fornirci molte informazioni sul temperamento , la salute e il lavoro svolto da chi ci porge la mano.
Se il colore è rosato, la pelle compatta e piacevole da toccare e la temperatura è nella media, abbiamo davanti una persona in salute , con un carattere equilibrato e che fa un lavoro intelettuale che la porta a ponderare le sue azioni e a controllare i suoi bassi istinti.
Invece se il colore è un rosa acceso, quasi rosso e le mani sono callose e comunque spesse , ci troviamo davanti ad una persona che compie un lavoro pesante , forse a causa del suo temperamento un po’ collerico e troppo diretto, difetta nell’ arte della diplomazia , un brutto segno al riguardo è la presenza di grosse vene nodose ben visibili sul dorso.
Se il colore delle mani è molto pallido e sono fredde o molto sudate la persona che ci porge la mano non gode di buona salute , ed ha un comportamento egoista e freddo.
Questa prima impressione ci aiuterà a interpretare il resto dei segni che troveremo, è un po’ come quando si leggono le carte che si chiede il segno zodiacale per avere la chiave di lettura.
Che mano è?
Dopo le prime impressioni è importate capire se la mano è passiva o attiva.
La mano attiva è la mano dominante (destra per i destri, sinistra per i mancini), l’altra è per forza di cose passiva.
Ora che che significati hanno?
La mano attiva rivela il futuro.
Mentre la mano passiva rivela l’ essenza della nostra anima, la nostra eredità spirituale, il nostro passato.
Una volta fatta questa identificazione dobbiamo dare un occhio generale alla forma della mano stessa, a grandi line si
possono riconoscere 7 tipo di mano.

La Mano elementare
Questa mano si presenta tozza , con palmo ampio, dita ed unghie corte, con monti poco pronunciati all’ infuori di quelli di Venere, Luna e Mercurio che sono invece molto pronunciati. Spesso sono visibili solo le tre linee principali.
Solitamente il propretario di questo tipo di mano è sgraziato nei movimenti, volgare e portato per la manovalanza.
La Mano necessaria
Questa mano non è esteticamente bella , le dita in particolare si presentano irregolari, le unghie sono più larghe che lunghe e piatte di conseguenza la parte finale delle dita prende una forma a spatola.
Solitamente questa mano si riscontra fra gli uomini d’ affari e gli sportivi, ci dice che la persona davanti a noi è dotata di un forte senso pratico e di una mente sveglia.
La Mano utile
Si può riconoscere dalle dita e dal palmo quadrato.
Queste sono persone pratiche , precise e perseveranti, molto controllate e ragionevoli; ma difettano di intuito e fantasia per cui a volte si vedono messi immeritatamente da parte per l’ antipatia che possono attirarsi.
La Mano artistica
A livello estetico è molto gradevole, affusolata con dita lunghe ma ben proporzionate, il pollice solitamente è formato da due falangi di uguale lunghezza.
Come si può intuire dal nome questa categoria è formata da persone dotate di molta fantasia, intuito e buone doti artistiche a loro sfavore può esserci un eccessiva sensualità e arroganza.
La Mano filosofica
Si presenta allungata , spigolosa e con le dita nodose.
Si presenta in persone dotate di una buona intelligenza astratta, m dotate di equilibrio ed amore per la logica, se le nodosità sono molto accentuate e molte ci troviamo davanti ad una persona diffidente e tendente all’ egoismo.
La Mano fisica
Questa mano è ben proporzionata con dite lisce e senza nodi, le unghie sono lunghe ed ovali.
Abbiamo davanti una persona molto “spirituale” , idealista e sognatore; questa mano la si trova negli artisti come poeti e scultori, il difetto che si accompagna a questa categoria é la facilità con cui si fanno impressionare e trasportare, e la reticenza nello piegarsi alle convenzioni sociali.
La Mano mista
Questa mano presenta dita irregolari che racchiudono un po’ tutte le caratteristiche degli altri tipi.
Chi possiede questo tipo di mano è una persona ingegnosa e poliedrica ma che per mancanza di costanza solitamente non approfondisce le sue conoscenze.
Le unghie e le dita
Macchie bianche sulle dite
Non tutti sono d’accordo sul fatto di interpretare questi segnetti bianchi sulle unghie e su quali significati abbiano.
Alcuni dicono che sia semplicemente una carenza di calcio , altri dicono che per ogni bugia ti viene una macchia bianca sulle unghie.
Per chi le legge ad ogni dito hanno un significato differente
Sul pollice – amore in famiglia e felicità
Sull’ indice – successo sociale
Sul medio – fortuna al gioco
Sull’ anulare- successo i commercio o nell’ arte
Sul mignolo- successo generico
Aspetto generale dell’ unghie
Le unghie sono dei segnalatori della salute, se sono rosee e dure sono indice di un ottima salute; se sono molli e fragili al contrario fanno pensare ad una salute delicata e fragile .
Se sono presenti dei solchi verticali sono indice di troppo lavoro e stanchezza generale.
Se hanno i bordi bluastri o violacei possono eer indie di cattiva circolazione sanguinea o problemi cardiaci.
Le dita
Dita lunghe significano cura nei dettagli, pazienza , riflessione e monotonia ; solitamente appartengono a persone molto caute e ricche di buon senso.
Chi ha dita corte invece di solito ha un carattere gioviale , molto espansivo , dinamico e sono alestiche e facili ad adattarsi la cambiamento.
Le persone avare, attaccate ai ben materiali , fredde ma anche portate per gli affari hanno dita tozze e massiccie, al contrario le persone portate per la spiritualità ed idealisti hanno dita sottili.
Se le dita sono nodose ci troviamo davanti ad una persona poco spontanea e calcolatrice, da tener presente che le dita lisce possono diventare nodose ma chi ha dita nodose non cambierà struttura.

Le linee

(1) La linea del cuore.
(2) La linea della testa.
(3) La linea della vita.
(4) La linea della fortuna (non tutte le persone ce l’hanno).
La linea del cuore
La linea del cuore parte tra l’indice ed il medio e fornisce indicazioni sulle capacità affettive e sull’amore, ma fornisce indicazioni anche su amicizia e disponibilità all’altruismo.
Una linea regolare e ben tracciata indica generosità, bontà d’animo, sensibilità e quindi una spiccata propensione ai rapporti interpersonali, oltre ad una certa facilità nell’essere appagati a raggiungere nelle relazioni sentimentali.
Una linea irregolare rivela al contrario amori discontinui e mancanza di equilibrio affettivo; se essa risulta invece spezzata, può essere indice di infedeltà in amore.
La presenza di una linea del cuore molto lunga, che attraversa la mano in senso orizzontale, denuncia aridità d’animo e irascibilità; se essa risulta ancora più lunga e sorpassa il taglio della mano, indica un temperamento molto passionale, facile preda della gelosia.
Una linea corta segnala invece la presenza di una mente razionale e calcolatrice e poco propensa alle passioni amorose.
Infine se è dritta, rivela freddezza e poca apertura nei confronti del sentimento, se molto ricurva può evidenziare eccessi di sensibilità e di sentimentalismo.
La linea della testa
Questa linea delinea i segni relativi all’intelligenza, all’attenzione, alla memoria ed alle attitudini mentali in generale.
Se la linea ha andamento orizzontale indica una propensione alla logicità, alla praticità, alla capacità analitica ed anche buona memoria; se è diretta verso l’alto è indice di una mente fredda e calcolatrice; se piega verso il basso, indica fantasia e creatività, ricchezza di inventiva e di immaginazione.
Inoltre, se essa piega e discende fino a raggiungere il monte della Luna, segnala spiccate qualità artistiche, estrosità, noncuranza delle regole formali.
Una linea poco marcata e sottile indica scarsa capacità di concentrazione; se invece è troppo profonda segnala inclinazione al perfezionismo, con atteggiamenti di minuziosità e cavillosità.
Un tracciato irregolare e discontinuo denuncia una volontà debole e influenzabile dalle opinioni altrui, unitamente a scarsa memoria e tendenza alla depressione.
Linea della vita
La Linea della Vita comincia al margine della mano, tra il pollice e l’indice e descrive un arco verso il basso in direzione del polso. Contrariamente a quanto si pensi, la sua lunghezza non è un’indicazione sicura di longevità, tuttavia chi la possiede ben estesa e soprattutto marcata, avrà generalmente una vita sana e longeva.
Se lungo la linea vi sono delle separazioni esse possono indicare l’esistenza di cambiamenti o conflitti, indice che in passato ci sono state delle difficoltà che potrebbero persistere anche in futuro.
Al contrario la presenza di un tracciato continuo e regolare fornisce aspettativa di una vita basata sull’equilibrio delle energie vitali e psicologiche.
Quando la linea si ripete ed è quindi doppia o ramificata è indice di potenza sessuale e vitalità.
Infine il tracciato poco marcato e contemporaneamente sbiadito, indica salute cagionevole.
La linea della fortuna
La linea della Fortuna inizia sopra il polso e si estende in verticale fino alla base del dito medio.
Questa linea rappresenta notoriamente la carriera ed il grado di successo raggiunto nella propria esistenza professionale, oltre all’attitudine individuale ad assumersi le responsabilità e ad affrontare efficacemente situazioni impegnative.
Considerando che la sua presenza non è rilevabile in tutte le mani, la sua mancanza può indicare una vita senza particolare rilievo professionale.
Se la linea risulta sottile si avrà una particolare predisposizione ad assorbire le situazioni dettate dalla sorte.
La minore o maggiore intensità della linea è proporzionale al potenziale di libero arbitrio del soggetto ed alle facoltà di iniziativa in campo imprenditoriale.
I monti
I monti corrispondono alle parti carnose della mano e ognuno viene fatto corrispondere ad un pianeta, compresi anche Sole e Luna, che pur non essendo tali, nell’antichità erano considerati alla stregua degli altri (oggi sappiamo che il Sole è una stella e che la Luna è un satellite). Il monte può essere più o meno sviluppato..ma anche piatto. Ovviamente “in medio stat virtus” cioè se il monte è piatto vuol dire che c’è carenza di determinate caratteristiche nella persona, se troppo sviluppato le caratteristiche tendono ad esasperarsi e quindi diventare negative, per cui la mano di una buona personalità prevede monti mediamente o ben sviluppati.
Vediamoli uno per uno.
Il monte di Venere: corrisponde al dito pollice. Indica la propensione naturale di ognuno a lasciarsi andare all’emotività. Più risulta sviluppato più la persona in questione desidera amare ed essere amata. L’amore è inteso sia fisico che affettivo. Se la zone è davvero molto sviluppata, la persona manifesterà un desiderio esagerato di attenzioni e affetto, oltre che ad uno smisurato egocentrismo.
Il monte di Marte positivo: si trova nella zona tra il pollice e l’indice. Se bene sviluppato indica una personalità forte, coraggiosa e piena di grinta. Uno sviluppo eccessivo di questa parte indica uno spirito combattivo che con molta facilità sfocia nell’arroganza e nella violenza.
Il monte di Marte negativo: si trova al di sotto del mignolo, in direzione opposta al precedente. Anche questo ovviamente è indice di virtù marziali ma in questo caso, più a livello morale che fisico. Se eccessivamente sviluppato indica una personalità incline ad una esasperata presa di coscienza dei propri diritti e privilegi dimenticando le esigenze altrui.
Il monte di Giove: si trova alla base del dito indice. In astrologia Giove è il “grande Benefico”, apporta buona fortuna e successo nella vita. Un monte di Giove ben sviluppato è segno di fortuna e coloro che lo posseggono sicuramente ricoprono nella vita posizioni di responsabilità dalle quali esercitano una notevole influenza sugli altri. Tuttavia, se troppo sviluppato, indica smodato desiderio di successo e sete di potere.
Il monte di Saturno: alla base del dito medio. Caratterizza personalità quiete, prudenti e con tendenza alla solitudine. Ma un eccessivo sviluppo di questo monte indica una personalità depressa o tendente alla depressione.
Il monte del Sole (o di Apollo): situato alla base dell’anulare. Uno sviluppo marcato di questo, indica amore per la bellezza e per l’arte in tutte le sue forme. Uno sviluppo eccessivo indica una personalità esibizionista per la quale risultano fondamentali gloria e ammirazione.
Il monte di Mercurio: alla base del mignolo. In una mano dall’aspetto negativo (cioè con i tratti spenti, monti poco sviluppati….) il suo eccessivo sviluppo tende a peggiorare la situazione, mentre in una mano dall’aspetto positivo rende rosea una situazione già buona. In genere questo monte indica una persona vivace e spiritosa, che ama i viaggi, i cambiamenti, gli spostamenti, le situazioni eccitanti. Tuttavia uno sviluppo eccessivo spinge queste stesse caratteristiche all’esasperazione, per cui diventano negative.
Il monte della Luna: si trova nelle parte bassa della mano, opposto al monte di Venere, vicino all’attaccatura del polso. Caratterizza le persone romantiche e fantasiose, ma se lo sviluppo è eccessivo la personalità diventa poco realistica, sognatrice e disadattata agli aspetti pratici della vita.