• Autore: Corine Sombrun
  • Titolo italiano: Il Canto della Sciamana
  • Anno di pubblicazione: 2008
  • Editore: Piemme
  • Genere: Narrativa
  • Trama: Dall’oggi al domani, tutte le certezze di razionale donna occidentale che avevano sostenuto Corine fino a quel momento, crollano. Succede, quando la persona più importante della tua vita se ne va per sempre, lasciandoti sola nell’universo. Succede quando capisci che non poter aiutare chi si ama è la più terribile delle maledizioni. Ed è inizialmente solo per sfuggire a questo dolore che Corine decide di mollare tutto e andare in Amazzonia accettando l’invito di Francisco, uno sciamano peruviano conosciuto a Londra. Se c’è un modo, anche il più assurdo, per fuggire da me stessa e ritrovare la persona amata, al diavolo lo scetticismo, si dice Corine. Questo è il diario di quella avventura nel cuore della giungla peruviana. Un viaggio iniziatico alla ricerca di un contatto fuori dal tempo, di una strada per ritrovare un amore più forte della morte, e rinascere. Attraverso gli insegnamenti di Francisco, che la introduce a metodi di guarigione risalenti alle culture indiane e precolombiane, e i riti di purificazione a base di piante e funghi allucinogeni, Corine imparerà a entrare in ascolto e a conoscere quello che solitamente si ritiene inconoscibile, l’armonia perfetta tra se stessi e l’universo.
  • Opinione personale: Scritto come un diario , offre una varietà degli stati d’animo vissuti (?) dall’ autrice durante la sua rinascita sciamanica.
    Fatti reali o romanzati non è dato saperlo per certo , ma mi è piacito l’accenno alla paura che vive chi si imbatte in un universo nuovo.
Summary
Review Date
Reviewed Item
Il Canto della Sciamana
Author Rating
31star1star1stargraygray