Il nome del genere (“Galanthus”) deriva da due parole greche: “gala” = latte (bianco come il latte) e “anthos” = fiore.
Il nome specifico (“nivalis”) fa riferimento alla sua precoce fioritura in mezzo alla neve.
I riferimenti storici al Bucaneve si perdono nella “notte dei tempi”. Viene chiamato “Stella del mattino” perché è uno dei primi fiori ad apparire nel nuovo anno. Anche le feste religiose (sia cristiane che pagane) fanno riferimento a questo fiore: è una pianta sacra e simbolica per la festa della Candelora (2 febbraio); invece in Imbolc (antica festa irlandese del culmine dell’inverno – 1 febbraio) si dice che il colore bianco del bucaneve ricorda allo stesso tempo la purezza di una Giovane Dea (festeggiata in questa ricorrenza pagana) e il latte che nutre gli agnelli.
Tra le varie leggende anche Adamo ed Eva sono collegati al bucaneve: un racconto inglese narra che Eva scacciata dal paradiso terrestre fu presa dallo sconforto nel trovarsi su una terra buia e gelida, ma ben presto l’apparire di un bucaneve (grazie al miracolo di un angelo) le diede di nuovo forza e speranza.
È interessante ricordare ancora che in Inghilterra il Bucaneve fu introdotto dalla Regina Elisabetta prelevato dalle zone selvatiche dell’Italia alpina.

Riconoscerlo e coltivarlo
Il bucaneve è una pianta decidua con bulbo perenne che produce fiori e foglie durante l’anno.
Il suo fiore ha un colore bianco latte, ed è estremamente delicato nella sua forma leggiadra.
Le foglie si generano direttamente dal bulbo.Il bulbo in commercio non è di grandi dimensioni, è di circa 3 cm.I bulbi, se piantati in grandi vasi o in giardino, si riproducono per divisione.Proprio per questo, occorre dividere quelli che si sono coltivati, togliendo quelli nuovi.
Il bucaneve riesce a resistere a temperature estremamente rigide (anche sotto lo zero).
In questo modo potrete vederne crescere molte, senza alcuna ostruzione da parte degli altri bulbi piantati inizialmente.
Il Galanthus fiorisce solitamente intorno a febbraio, ma se viene adeguatamente curato, in casa può sbocciare prima del tempo.Il fiore quando sboccia, è piacevole alla vista, ma non emana un odore particolarmente gradevole. La dimensione del fiore è di circa 3 cm.I petali si distribuiscono a forma di stella e sono lunghi circa 20 mm.

Significato

Il significato del bucaneve è, infatti, ritenuto simbolo di speranza e di consolazione, di passaggio dal dolore a un nuovo inizio per via dello sbocciare di alcune sue specie quando il clima è ancora freddo, spingendo le foglie attraverso il suolo ghiacciato dalla neve, di solito prima del secondo giorno di febbraio,

Leggende

Numerose antiche leggende sorte a livello popolare sull’origine biblica del bucaneve tramandano che sia diventato simbolo di speranza nel momento in cui sbocciò davanti ad Adamo ed Eva per confortarli quando furono cacciati dal giardino dell’Eden. Nella leggenda cristiana, dopo la cacciata, Adamo ed Eva si ritrovarono in una buia terra inospitale, fredda e innevata per via dell’inverno, ma un Angelo li consolò promettendo che pure lì sarebbe arrivata la primavera e, come segnale, soffiò su alcuni fiocchi di neve che stava scendendo e che, una volta giunti al suolo, si trasformarono in bucaneve. Così, con i bucaneve che sbocciarono su uno stelo esile verde brillante nella settimana invernale più tetra, nacque la speranza nell’arrivo di tempi migliori. E’ leggendario anche il racconto tedesco su Dio che, completando la Creazione della Terra, chiese alla neve di scendere sui fiori per colorarsi un po’, ma tutti questi rifiutarono, eccetto il bucaneve. Così, da allora, per ricompensare il bucaneve, la neve lo lascia fiorire ogni anno prima che inizi lo spettacolo primaverile. Secondo un’antica narrazione moldava, successe in passato che la primavera – che era una bella donna – si tagliò un dito e crebbe un bucaneve dove alcune gocce di sangue cadute sciolsero la neve; così arrivò la bella stagione e risolse la disputa con la strega d’inverno che non voleva lasciarle il posto.

Poteri curativi
Attenzione pianta leggermente tossica io ne sconsiglio l’utilizzo
Il famoso erborista inglese cinquecentesco John Gerard (1545-1612), autore di un ‘Erbario’ (o ‘Storia generale delle piante’, 1597), non individuò alcuna proprietà medicinale, né la ritrovò in testi antichi o suoi contemporanei, per quanto riguardava le ‘violette bulbose’ denominate per la prima volta come ‘bucaneve’. Ma il poeta greco Omero aveva narrato nel poema epico dell’Odissea (ca. 800 a.C-700 a.C.) che il dio Mercurio aveva consegnato a Ulisse un’erba magica – che in realtà era un comune bucaneve – come antidoto per immunizzarsi contro la pozione propinata dalla strega Circe per indurre in uno stato di totale amnesia l’equipaggio che era con lui. La galantamina è il principio attivo contenuto nei bulbi (leggermente tossici se ingeriti) e nelle foglie della varietà di bucaneve caucasico che avrebbe agito da anticolinesterasico, nel caso dell’eroe greco, favorendo la trasmissione degli impulsi nervosi alle giunzioni neuromuscolari e quindi migliorando la contrazione della muscolatura scheletrica. Pare che a metà degli anni ‘50, un farmacologo bulgaro avesse notato che alcune persone si strofinavano i bucaneve spontanei sulla fronte per calmare il forte mal di testa. Nel 1951, i farmacologi russi pubblicarono il primo studio sulle proprietà della galantamina isolata dal bucaneve caucasico (Galanthus woronwii) selvatico; nel 1957, lo stesso procedimento fu applicato alle foglie della specie comune (Galanthus nivalis) e venne preparato il primo farmaco dal nome ‘Nivalin’. Una decina di anni dopo, fu segnalato nel Caucaso il caso dei figli di una contadina che si erano ripresi da una malattia, che probabilmente era la poliomielite, assumendo decotti di bulbi di bucaneve caucasici. La galantamina sintetizzata rientra nelle preparazioni farmaceutiche odierne utilizzate nella terapia della miastenia, di diversi tipi di affezioni neuromuscolari e del sistema nervoso centrale (poliomeliti, distrofie muscolari, sclerosi, neuriti, ecc.), in particolare, per aiutare a migliorare il funzionamento dei recettori del cervello e così rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.

Se il mio blog ti piace e lo trovi utile

offrimi un caffè:paypal.me/stregadicitta