Il bergamotto raggiunge il suo periodo balsamico nel mese di gennaio.

Aspetto Botanico

  • Nome scientifico

Citrus bergamia

  • Etimologia

l’etimologia più attendibile della parola bergamotto è fornita da Sicur Barbe nel libro “Le parfumeur francais” pubblicato nel 1693; egli fa derivare il nome bergamotto dalla somiglianza del frutto con la pera bergamotta, vocabolo derivato dal turco – Be-armudu “la             principessa delle pere”.

  • Nomi popolari

Bergamotto

  • Descrizione e caratteristiche

é un albero che può raggiungere anche i quattro metri d’altezza, ha foglie verdi brillanti coriacee e sempre verdi.  Il frutto arriva a piena maturazione nel periodo di gennaio, è poco più grande di un’arancia con la buccia di un giallo brillante ricoperta di vescicole contenenti l’olio essenziale.

  • Habitat e Diffusione

Non sopporta i climi rigidi e in Italia è coltivalo solo nella zona tra Reggio Calabria, Brancaleone e Bianco; la coltivazione è diventata un’importante fonte di reddito alla metà dell’ 800.

Proprietà e utilizzi officinali

  • Composizione

Chimicamente è una miscela altamente complessa di numerose classi di sostanze organiche, in particolare terpeni, esteri, alcoli e aldeidi, per la frazione volatile, cumarine e furanocumarine, per la frazione non volatile.

  • Utilizzi e preparati erboristici

Il suo succo di gusto amaro ricco di polifenoli, vitamine A, C e del gruppo B viene somministrato per le sue qualità energizzanti e tonificanti, secondo recenti studi aiuta anche ad abbassare il colesterolo. Inoltre è ricco di acido citrico e in passato veniva utilizzato per produrre questa sostanza.

Un altro derivato del bergamotto è l’olio essenziale, per produrre un Kg di essenza sono necessari 200kg di frutti, è molto richiesto nella produzione di profumi per la sua nota fresca e la sua capacità di fissare il profumo.

In aromaterapia è utilizzato per combattere ansia, stress e malinconia, basta diffondere poche gocce nel brucia essenze per sentirsi subito più positivi e attivi.

Poche gocce diluite in un olio vettore neutro svolgono un azione antibatterica utile in caso d’infezioni della pelle quali acne o piccoli ascessi, attenzione a non esporsi al sole in quanto aumenta il danno al DNA.

  • Controindicazioni

Come già accennato, l’ olio essenziale è fotosensibile e foto tossico quindi non esporsi al sole dopo l’applicazione, nemmeno se viene applicato in una zona coperta dai vestiti.

Un’altra cosa a cui bisogna fare attenzione è la contraffazione, essendo un’essenza molto pregiata e costosa perché prodotta in quantità limitata succede venga allungata con altre sostanze (spesso la trementina) per aumentare il guadagno, quindi diffidare di prezzi troppo bassi.

  • Utilizzi casalinghi

è molto raro trovare in commercio i frutti interi ma se si fosse così fortunati si potrebbe provare a fare un buon liquore digestivo

Liquore al bergamotto di Calabria: ingredienti per la ricetta fatta in casa

4 frutti di Bergamotto
1/2  litro di alcool buongusto
750 litri di acqua
1/2 kg  di zucchero
Mezza bacca di vaniglia

Liquore al bergamotto: procedura per faro in casa

  • Lavare molto bene i bergamotti, sbucciarli evitando la parte bianca, introdurre le bucce in un barattolo di vetro insieme a un bergamotto sbucciato e punzecchiato e all’alcool. Lasciare in infusione per due settimane al riparo dalla luce.
  • Trascorso questo tempo preparare uno sciroppo con l’acqua, lo zucchero e la mezza bacca di  vaniglia incisa per sua lunghezza al fine di estrarre meglio l’aroma. Portare a ebollizione, assicurarsi che lo zucchero sia completamente sciolto e spegnere la fiamma. Far raffreddare e filtrare lo sciroppo.
  • Estrarre il bergamotto dall’alcool, eliminare le bucce, filtrare e unire allo sciroppo mescolando bene la soluzione così ottenuta.
  • Lasciare a riposo un paio di settimane prima di usare il liquore per dare il tempo a tutti gli ingredienti di armonizzarsi tra loro. Il liquore al bergamotto è pronto: si conserva in frigo e si raccomanda di consumarlo freddo.

Fonte ricetta: http://www.piatti-tipici-calabresi.it/liquore-bergamotto-calabria-ricetta/

Piccole curiosità

Nessuno è mai riuscito a classificarlo, si pensa sia un ibrido derivato dall’ arancio amaro; anche la sua importazione alcune leggende lo fanno risalire alle isole Canarie, altre alla Spagna l’unica cosa certa è che viene coltivato quasi esclusivamente in Calabria.

Un po’ di Magia

L’essenza del bergamotto avrebbe il potere di propiziare la fortuna , l’amore e attirare il denaro.

Può essere utilizzato per vestire le candele per aumentare il potere di un incantesimo al riguardo, per aromatizzare un amuleto o aggiunto all’ acqua del bagno per fare un bagno rigenerante in tutti i sensi (attenzione a non esporsi al sole)

Se il mio blog ti piace e lo trovi utile

offrimi un caffè:paypal.me/stregadicitta