Creature mitologiche

Avurie

L’Avurie è un folletto o uno spirito o una specie di streghetta poco importa come lo chiamate, la cosa importante è che se vi prende di mira i vostri sogni saranno turbati per un bel po’.
Si intrufola in casa di notte, verso l’alba, e specialmente in estate quando le finestre sono socchiuse, assumendo le sembianze di un gatto con un cappello, e si posa sul petto del malcapitato dormiente, paralizzandolo e togliendogli il respiro.
Da un punto di vista medico, sembra che la credenza nasca dalla Sindrome della morte in culla, che colpiva i neonati facendoli morire con dei segni in corrispondenza dei polmoni.
Può tagliarvi i capelli durante il sonno, mettersi su di voi e non farvi respirare, intrecciare le criniere dei cavalli in trecce così sofisticate che scioglierle sarà impossibile e si dovranno tagliare per forza.
Se si è così svelti però da riuscire a svegliarsi mentre è seduto sul petto e rubargli il cappello e lanciarlo in un angolo gli si possono chiedere le cose più strabilianti ed anche soldi.
Ma non preoccupatevi! Se gli siete simpatici veglierà su di voi e la vita in casa sarà serena e tranquilla e vi farà spesso trovare dei piccoli regali, in caso contrario c’è una formula per mandarlo via.
Seduti sul wc con del cacio e del pane prima di andare a dormire si recita questo esorcismo con lo scopo di disgustarlo:
«Avurie Avurie de chese me , viene a mangé che mé pene e kese» («Avurie Avurie di casa mia, vieni a mangiare con me pane e cacio»).

/ 5
Grazie per aver votato!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: No copia e incolla! Condividi tramite link