Erbario stregato

Acacia

Aspetto botanico

Acacia
– Nome scientifico
Ci sono 1.300 specie, per questo ho trovato impossibile citarne una sola
– Etimologia
Acacia deriva dal greco ”Akos” che significa acuminato, un chiaro riferimento alle sue spine
– Nomi popolari
Albero della gomma, mimosa, acacia vera [nome generico per distinguerla dalla Robinia Pseudoacacia]

– Descrizione e caratteristiche
Si presenta come un albero o arbusto spinoso con piccole foglie molto vicine tra loro, i fiori sono a grappolo.
A prima vista assomiglia molto alla Robinia pseudoacacia che ha ampliamene colonizzato l’Italia grazie alla sua adattabilità e velocità di crescita. Un’attenzione particolare va posta nel distinguerle perché la Robina ha alcune parti tossiche in particolare le foglie, i semi e la corteccia i fiori vengono consumati in pastella e fritti ma io non lo consiglio troppo alto il rischio che ci siano dei semi o di confonderla con la ancora più tossica Laburnum Anagyroides chiamato Maggiociondolo.

– Habitat e Diffusione
è molto diffusa e si adatta a vari terreni; per la sua robustezza e bellezza è coltivata come pianta ornamentale, ciò ha contribuito a diffonderla in tutto il mondo.

Proprietà e utilizzi Officinali

– Composizione
Tannini e mucillagini
– Utilizzi e preparati erboristici
Visto la grande varietà di specie presenti e la tossicità di alcune parti della pianta è pressoché impossibile utilizzare in sicurezza un rimedio a base di acacia senza rivolgersi a uno specialista.
In linea generale si può dire che i principi attivi dell’acacia sono solubili in acqua e quindi compatibili con tisane, decotti ed estratto idroalcolico.
– Controindicazioni
Alcune parti della pianta e alcune sottospecie sono tossiche , anche a dosi terapeutiche può irritare la mucosa gastrica e non si è a conoscenza di possibili interazioni con altre terapie.

Utilizzi casalinghi

Il miele d’acacia [che in realtà deriva quasi interamente dalla Pseudoacacia] molto dolce e aromatico è ottimo per sostituire lo zucchero a partire dall’eta di 12 mesi; mai dare il miele ai bambini più piccoli perché il loro intestino non può gestirlo in quanto è un alimento non pastorizzato e potrebbe contenere del botulino.
È efficace contro il mal di gola per disintossicare il fegato ed è leggermente lassativo.

Piccole curiosità

La leggenda di Osiride narra che la sua sposa/sorella ricompone il suo corpo in una bara di legno d’acacia per riportarlo in vita.

Un po’ di magia

Simbolo di purezza e rinascita si presta come porta fortuna per i nuovi inizi.
Per propiziare la guarigione e il recupero fisico si può`aggiungere ai sacchettini caricati per questo scopo.
Il suo legno è ottimo per la creazione del pentacolo dal momento che ha il potere di allontanare gli influssi negativi, purificar e attirare i beni materiali.

/ 5
Grazie per aver votato!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: No copia e incolla! Condividi tramite link